LA FINANZIARIA 2007

La legge finanziaria 2007, ha previsto per i contribuenti, una detrazione dall'Irpef del 55% , da ripartire in 3 quote annuali di pari importo, per le spese effettuate entro il 31 dicembre 2007 per interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti e per la costruzione di nuovi edifici ad alta efficienza energetica.

Possono usufruire della detrazione le persone fisiche, gli enti, le imprese, per le spese effettuate su edifici o parti di edifici o su unità immobiliari di qualsiasi categoria catastale.

Per tutti gli interventi possono essere detratte le spese per le prestazioni professionali necessarie alla loro realizzazione, compresa la redazione dell'attestato di certificazione o di qualificazione energetica e l'asseverazione.

Gli interventi su edifici esistenti ammessi alla detrazione sono:

· interventi sull'involucro edilizio, cioè sulle murature esterne e le finestre che delimitano la parte riscaldata dell'edifico dall'esterno o da vani non riscaldati;

· interventi di riqualificazione energetica complessiva dell'edificio;

· installazione di pannelli solari per produzione di acqua calda;

· interventi di sostituzione completa o parziale di impianti di riscaldamento con impianti dotati di caldaie a condensazione.

Per quanto riguarda le strutture orizzontali, ovvero pavimenti e coperture, nella finanziaria sono previste detrazioni analoghe a quelle delle strutture verticali, rispettando limiti ovviamente diversi. Si è ancora in attesa di un decreto attuativo al riguardo. È ragionevole ipotizzare che saranno definite norme analoghe a quelle delle pareti verticali ma con diversi valori di trasmittanza da rispettare.

Queste detrazioni fiscali non sono cumulabili con le detrazioni del 36% previste per la manutenzione straordinaria delle abitazioni né con altre agevolazioni fiscali nazionali.

LA FINANZIARIA 2008

La nuova finanziaria per l'anno 2008 ha sancito una proroga al 2008 per le detrazioni del 55% stabilendo la proroga per le detrazioni del 55% a seguito di interventi di riqualificazione energetica per il prossimo triennio 2008 - 2010.

GLI INTERVENTI AMMESSI

· Interventi di riqualificazione energetica. Riguardano l'immobile nel suo complesso. La condizione per cui sia detraibile dall'Irpef il 55% delle spese è che siano migliorate le prestazioni energetiche dell'immobile.

· Interventi sull'involucro edilizio. Le condizioni affinché sia detraibile dall'irpef il 55% delle spese sono che dopo l'intervento siano ridotte le dispersioni termiche attraverso le murature esterne e le finestre.

· Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per il fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università. Le spese ammesse riguardano la fornitura e la posa in opera delle apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche e elettroniche, delle opere idrauliche e murarie per la realizzazione di impianti solari termici, anche integrati con impianti di riscaldamento. In questo caso l'asseverazione deve attestare il rispetto dei seguenti requisiti:

- che i pannelli solari e i bollitori impiegati sono garantiti per almeno cinque anni;

- che gli accessori e i componenti elettrici ed elettronici sono garantiti almeno due anni;

- che i pannelli solari dispongono di una certificazione di qualità conforme alle norme UNI 12975, rilasciata da un laboratorio accreditato;

- che l'installazione dell'impianto è stata eseguita in conformità ai manuali di installazione dei principali componenti.

· Interventi sugli impianti di riscaldamento. Riguardano la sostituzione completa o parziale di impianti di riscaldamento con impianti dotati di caldaie a condensazione e messa a punto del sistema di distribuzione. Le spese ammesse riguardano lo smontaggio e la dismissione parziale o totale dell'impianto di riscaldamento esistente, la fornitura e la posa in opera delle apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche e elettroniche, delle opere idrauliche e murarie per la sostituzione dell'impianto con uno dotato di caldaia a condensazione; sono comprese anche le spese per la messa a punto della rete di distribuzione, per i sistemi di trattamento dell'acqua, per i dispositivi di controllo e regolazione e per i sistemi di emissione.

 

Share by: